pagina facebook
progetto phi quadro
E' possibile seguire le gare di matematica del Liceo

Il ribezzo incontra…

Logo 3

28 novembre 2013

Una nuova iniziativa: serate di arte, scienza e cultura al Liceo Scientifico “F. Ribezzo”

A partire da questo anno scolastico 2013/2014 il Liceo Scientifico “Francesco Ribezzo” di Francavilla Fontana si è dotato di un apposito organismo, formato da docenti, cui è stato demandato il compito di curare la progettazione e la attuazione di iniziative culturali rivolte al territorio.

Sono  molteplici le ragioni che hanno spinto il Liceo a questa scelta, nonostante la progressiva strozzatura delle risorse erogate alla scuola pubblica.

Tra le più significative è senz’altro la considerazione dell’importante funzione sociale e civile che compete alla scuola, non solo perché istituzionalmente responsabile della formazione dei cittadini di domani, ma anche in quanto presidio permanente di cultura nella comunità intera in cui opera.

Con il termine cultura si intende porre l’accento sul valore del pensiero e della conoscenza, oggi degradati a puri strumenti di abilitazione a un mestiere o a una professione, nella convinzione che solo gli individui e i gruppi sociali che coltivano il sapere sono davvero vivi, consapevoli di sé e capaci di contribuire al miglioramento della vita di tutti.

È dunque un preciso dovere della scuola, l’istituzione deputata alla circolazione del sapere, non rassegnarsi ad essere un recinto chiuso di soli studenti e professori, ma diventare piuttosto cassa di risonanza sul territorio della realtà viva della ricerca, del pensiero, delle grandi questioni e piazza di discussione per l’intera comunità.

Esiste poi un’altra ragione, altrettanto importante.

Il sapere nella scuola è sempre esposto al rischio della autoreferenzialità e della ripetitività di nozioni che tendono a trasformare la conoscenza in sterile erudizione. Perché questo pericolo venga scongiurato è indispensabile esporre i contenuti della conoscenza alla prova della realtà, tanto quella di chi studia i problemi, quanto quella di chi concretamente li vive. Aprire dunque le porte della scuola al mondo vivo della ricerca e del pensiero da una parte, della cittadinanza senza distinzioni dall’altra può contribuire a rivitalizzare lo stesso processo di apprendimento-insegnamento, a renderlo più significativo anche all’interno delle aule.

L’obiettivo concreto che il Liceo “Ribezzo” si prefigge è dunque quello di organizzare per questo anno “inaugurale” due o tre iniziative nella fascia oraria del tardo pomeriggio – sera, destinate alla intera cittadinanza, che sappiano coniugare l’attenzione per bisogni culturali anche latenti del territorio con l’attrattività di personalità di spessore ( vero, non mediatico ).

Gli eventi, strutturati più come dibattiti che come conferenze, saranno ospitati nella Aula Magna del Liceo e rientreranno in un contenitore che si è voluto significativamente intitolare “Il Ribezzo incontra… – Serate di arte, scienza e cultura”.

Date le croniche ristrettezze economiche che affliggono la scuola e l’interesse pubblico a cui sono volte le iniziative, il Liceo si attiverà di volta in volta alla ricerca di patrocinii e di sponsor, così come fin d’ora auspica la collaborazione di quanti – cittadini, associazioni, enti – siano interessati a vivacizzare il panorama delle idee sul territorio.

A questo scopo sono state attivate sul sito del Liceo (www.liceoribezzo.gov.it) un’area dedicata, per seguire i progressi della attività (“Il Ribezzo incontra…”), e una casella di posta elettronica (ilribezzoincontra@liceoribezzo.gov.it) per contattare i docenti responsabili: Gatto Davide (coordinatore), Marchionna Giovanna, Padula Anna Maria, Ricchiuti Maria Giovanna).

 

6 dicembre 2013

I primi passi della Commissione Cultura

La Commissione Cultura ha individuato al momento sei aree tematiche su cui concentrare il proprio lavoro di progettazione e organizzazione.

Nonostante l’obiettivo dichiarato, volutamente prudente, di realizzare per questo primo anno non più di due incontri pubblici, abbiamo deciso di esplorare contemporaneamente diverse possibilità, a nostro avviso tutte di qualità sia culturale in senso stretto che civile.

La ragione di questa scelta risiede essenzialmente nella consapevolezza della difficoltà di ottenere una risposta positiva al nostro invito da personalità che in genere hanno una agenda di incontri molto fitta e a lunga scadenza.

Abbiamo pensato pertanto che lavorare su più fronti e in una prospettiva temporale più lunga, così da comporre un calendario degli incontri in base alla disponibilità più o meno tempestiva degli interpellati, potesse rendere più facile definire gli incontri di quest’anno, che in sostanza dipenderanno dalle risposte che riceveremo.

Elenco di seguito le sette aree tematiche, con l’avvertenza che alcune avranno un profilo più nitido, mentre altre non saranno altro che contenitori intestati da riempire, anche con il contributo di quanti dentro la scuola, ma anche nel territorio, abbiano a cuore la buona riuscita della iniziativa.

1.      Finanza etica e microcredito:  il tema dell’uso del denaro, mezzo per l’affermazione dell’uomo e dei suoi diritti e non strumento di sfruttamento e di emarginazione, né tanto meno fine o idolo a cui sacrificare la propria e l’altrui umanità, interseca facilmente la piaga sociale del gioco patologico d’azzardo.

Sono in corso contatti con esponenti nazionali di Libera e con la Banca etica di Bari.

2.      Le nanotecnologie: cosa sono, quali sono l’ambito specifico e gli strumenti operativi della loro ricerca, quale ricadute essa ha concretamente sulla nostra vita presente e, in prospettiva, futura.

Si intende prendere contatto con l’ISUFI di Lecce, l’Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare presso l’Università di Lecce, una delle scuole di eccellenza sulle nanoscienze.

3.      Pasoliniana: percorso di avvicinamento alla ricorrenza dei 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini (2 novembre 1975), articolato in una serie di 3-4 incontri, l’ultimo dei quali in prossimità del novembre 2015.

Il progetto è in via di elaborazione.

4.      Vecchie e nuove povertà: senza pietismo perbenista, uno sguardo sul vero altrove del nostro ricco Occidente, un altrove che sempre meno è esterno geograficamente ai Paesi “sviluppati”, sempre più in realtà interno ad essi.

Si intende coinvolgere da una parte il mondo delle missioni e dei volontari in Africa, dall’altra Emergency, che ha aperto con successo centri di assistenza medica gratuita anche in Italia e per gli italiani.

5.      La proposta “eretica” della Decrescita: in un tempo come il nostro in cui il modello liberista della crescita infinita è accusato di aver prodotto disuguaglianze sempre più accentuate e gravissimi danni ambientali, è bene ascoltare dalla viva voce dei fautori dell’uscita dalla “religione della crescita” (Serge Latouche) e/o da economisti sensibili al tema in cosa consista la proposta della decrescita e quale sia l’assetto sociale, economico e politico che essa prefigura e persegue.

Sono in corso contatti con i referenti nazionali del Movimento per la Decrescita Felice e con economisti impegnati nello studio della questione.

6.      Lo snodo geopolitico del Medio Oriente: lo scopo è gettare una luce più chiara sugli equilibri delicatissimi di paesi come Israele, Palestina, Siria grazie all’intervento di testimoni diretti e qualificati, nonché di esperti di geopolitica e di Medio Oriente.

7.      Incontro con il prof. Rocco Schiavilla, professore di fisica presso la Old dominion University di Nortfolk e Senior Staff Scientist presso il Jefferson Lab di Newport News: i neutrini, e in particolare il problema dei neutrini solari (ora risolto), costituiranno il tema dell’intervento, che spazierà dall’astrofisica ad alcuni aspetti della meccanica quantistica.

L’incontro, in via di perfezionamento, è previsto per la seconda metà di marzo 2014.

 

 

 

Login
novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930